Ai fini dell'attribuibilità della qualifica di parte di un'arma da guerra, da cui consegue la configurabilità del delitto di cui all'art. 2 legge 2 ottobre 1967, n. 895, è sufficiente l'autonomia funzionale di essa, che ne rende possibile l'individuazione come elemento strutturale tipico dell'arma stessa, e la facile ricomposizione dell'intero senza la necessità di speciali procedimenti. (Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto esente da censure la condanna dell'imputato per la detenzione di un caricatore già in dotazione ad un fucile d'assalto in uso all'esercito elvetico, idoneo per il tiro a raffica). (Conf. n. 701/1988, Rv.180228).