La ratio legis sottesa alla previsione dell'indennità per lo svolgimento di servizi esterni prevista dall'art. 48 del D.P.R. n. 164/2002 in favore del personale della Guardia di Finanza, è nel senso che la stessa va sì a compensare il personale che si trova ad operare in particolari situazioni di disagio, consistenti nell'esposizione ad agenti atmosferici e nell'assunzione di rischi connessi all'espletamento del servizio in ambienti esterni, ma con il duplice limite che non ogni servizio svolto fisicamente al di fuori del proprio ufficio o unità di appartenenza assume carattere esterno e che, in ogni caso, deve trattarsi di attività non occasionale o sporadica.